Come accedere da remoto alle applicazioni sviluppate con Visual Studio e ospitate da IIS Express:

Normalmente l’accesso è riservato al solo localhost:porta. Per accedere da una macchina remota bisogna editare la parte relativa al sito in questione all’interno del filec:\Users[username]\Documents\IISExpress\config\applicationhost.config

<site name="Alpha.Web" id="2">
    <application path="/">
        <virtualDirectory path="/" physicalPath="C:\Users\Johan\HgReps\Alpha\Alpha.Web" />
    </application>
    <bindings>
        <binding protocol="http" bindingInformation="*:58938:localhost" />
    </bindings>
</site>

in <bindings> aggiungere un’altra riga:

<binding protocol="http" bindingInformation="*:58938:ip_macchina" />

Salvate e chiudete il file.

Se state utilizzando Windows 7 è inoltre necessario abilitare le connessioni in ingresso all’applicazione. Per farlo, è necessario lanciare il prompt dei comandi con privilegi amministrativi e digitare il seguente comando:

> netsh http add urlacl url=http://ip_macchina:58938/ user=everyone

Di seguito ripropongo una guida pubblicata originariamente nel 2008 e che potrebbe servire ancora:

Un paio di giorni fa mi son trovato davanti un notebook con hard disk sata, senza floppy drive, e la necessità di dover installare, da zero, Windows Xp Home. Ad oggi, la maggior parte dei controller presenti sulle mainboard vegono riconosciuti normalmente dal S.O. della Microsoft, ma, in alcuni casi, per via della presenza di controller raid ide o sata, è necessario installare i driver, tasto F6 all’inizio del setup di Windows, in modo da far riconoscere l’hard disk al sistema operativo… però il guaio è che Windows richiede che i driver risiedano su floppy disk… e se il nostro pc non ha un floppy drive? Beh a quel punto le soluzioni son 2.

  1. Procurarsi un drive usb
  2. Crearsi un bel cd di Windows con i driver già aggiornati al suo interno :)

Ok… adesso, visto che il primo punto è abbastanza facile da capire (ehmmm), passerò alla spiegazione del secondo:

Occorrente:

Procediamo come segue:

1)installiamo nlite;
2)creiamo un cartella (per esempio) winXP;
3)inseriamo il cd di xp e con sfoglia puntiamo alla periferica dove è il nostro disco di xp!
4)ora ci verrà chiesto dove salvare la copia, puntiamo alla cartella winXP creata in precedenza!
5)terminata la copia, premere avanti, nella finestra configurazioni premere avanti senza spuntare nulla;
6)nella finestra seleziona le opzioni, selezionate “driver” e “iso avviabile”, premere avanti;
7)nella finestra driver, click su inserisci e nel menu a tendina click su cartella driver multipli;
8)ora puntate alla cartella dove sono i driver sata(ovvero sul cd o sulla chiavetta usb, come detto sopra al punto b);
9)clikkate su tutto, si evidenzia la nostra cartella, premere ok!(i driver devono essere “driver text mode” e selezionateli tutti (come suggerito con la pressione di ctrl e click su ogni file), evidenziati tutti i driver, click su avanti;
10)Alla domanda “avviare il processo?”, rispondere si e al termine, click su avanti;
11)ora selezionate masterizza al volo e avviate la masterizzazione.
Bene, adesso avrete il vostro bel cd di Windows avviabile e con i driver necessari già pronti per l’uso. In caso di problemi non contattatemi tranquillamente. Grazie :)

Spesso mi capita di dover riconfigurare la rete di un client utilizzando il solo prompt dei comandi e, quando possibile, da remoto utilizzando psExec (di cui ho già spiegato l’utilità).

Di seguito una lista di comandi:

  • netsh interface ip show config (ci mostra la configurazione attuale delle schede di rete presenti nel pc)
  • netsh interface ip set address name=”Connessione alla rete locale (LAN)” static 192.168.0.100 255.255.255.0 192.168.0.1 1 (modifica le impostazioni dell’interfaccia denominata “Connessione alla rete locale (LAN)” assegnandole l’IP statico 192.168.0.100, la subnet mask 255.255.255.0 e il gateway 192.168.0.1)
  • netsh interface ip set dns “Connessione alla rete locale (LAN)” static 192.168.0.200 (settail dns 192.168.0.200)
  • netsh interface ip set dns “Connessione alla rete locale (LAN)” dhcp (ottiene automaticamente il dns dal dhcp)
  • netsh interface ip set address “Connessione alla rete locale (LAN)” dhcp (configura la lan per farsi assegnare l’IP da un server dhcp)

A volte capita anche di dover utilizzare una configurazione statica per due (o più) diversi “luoghi” (es. casa e ufficio). Un metodo semplice ed efficace per salvare le configurazioni è:

  • esportare la configurazione n°1 (es. casa) con il comando netsh -c interface dump > c:’casa.txt
  • esportare la configurazione n° 2 (es. ufficio) con lo stesso comando netsh -c interface dump > c:’ufficio.txt

Per ripristinarle sarà quindi sufficiente digitare:

  • netsh -f c:'casa.txt
  • netsh -f c:'ufficio.txt
netsh -c interface dump > c:'location1.txt

In questi giorni mi si sono presentati due diversi problemi con WSUS. Li riassumo brevemente segnalandone la “soluzione”.

Primo Scenario: Dominio Windows – Il servizio “aggiornamenti automatici” non viene eseguito restituendo un “Event ID 10005″.

Per risolvere questo problema basta seguire i seguenti passaggi:

  • Avviare il prompt dei comandi (da locale START -> esegui -> cmd; da remoto “psExec \\nomecomputer cmd”)
  • eseguire i seguenti comandi:
    • net stop wuauserv
    • regsvr32 wuapi.dll
    • regsvr32 wuaueng.dll
    • regsvr32 wuaueng1.dll
    • regsvr32 wucltui.dll
    • regsvr32 wups.dll
    • regsvr32 wups2.dll
    • regsvr32 wuweb.dll
    • regsvr32 MSXML3.dll
    • net start wuauserv

A questo punto dovreste riavere il servizio “Aggiornamenti automatici” perfettamente funzionante.

Secondo scenario: Client WSUS che non si aggiornano. (ringrazio Alessandro Bagalini da cui ho copiato la “soluzione”)

Ciò può avvenire per diversi motivi (mancanza di dipendenze, patch errate, etc.) e, a volte, basta ripulire la cartella utilizzata per i download degli aggiornamenti e ricrearne l’elenco.

I passaggi da effettuare sono:

  • Avviare il prompt dei comandi (da locale START -> esegui -> cmd; da remoto “psExec \\nomecomputer cmd”)
  • Fermare il servizio “aggiornamenti automatici” (net stop "Aggiornamenti automatici")
  • fermare il servizio trasferimento intelligente in background (net stop "Servizio trasferimento intelligente in background")
  • Puliamo la cartella di download eseguendo i seguenti comandi:
    • cd \Windows\SoftwareDistribution
    • rd /s /q AuthCabs DataStore Download EventCache SelfUpdate WebSetup WuRedir
    • del *
    • del C:\Windows\WindowsUpdate.log
  • Riavviare gli aggiornamenti automatici (net start "Aggiornamenti automatici" )
  • Riavviare il servizio trasferimento intelligente in background (net start "Servizio trasferimento intelligente in background")
  • Forziamo l’aggiornamento dei client WSUS:
    • wuauclt /DetectNow
    • wuauclt /UpdateNow
    • wuauclt /ReportNow

Come ho già scritto, uso spesso psExec per loggarmi in remoto su una macchina in dominio. Per chi non lo conoscesse, psExec è un tool liberamente scaricabile da qui!

Se utilizzate Windows 8.1, IE11 e siete dietro ad un server proxy, probabilmente al primo accesso a google vi verrà restituito il messaggio “Non riesco a visualizzare questa pagina”.

Per ovviare a tale problema basta disabilitare il protocollo SPDY/3 da Windows ComponentsInternet ExplorerInternet Control PanelAdvanced Page

spdy